Notizie

Monumenti Aperti 2019. Oltre 1600 visitatori a Palazzo Regio, che si conferma come uno dei monumenti più visitati di Cagliari

Monumenti Aperti 2019. Oltre 1600 visitatori a Palazzo Regio, che si conferma come uno dei monumenti più visitati di Cagliari

Ancora una volta il folto pubblico che ha affollato le sale del Palazzo Regio in occasione della manifestazione Monumenti Aperti 2019, ha dimostrato di apprezzare il valore artistico e culturale dello storico edificio, con la guida competente degli studenti di due scuole cittadine: le classi 3^, 4^ e 5^ del corso E linguistico del Liceo Statale di Scienze Umane e Linguistico “Eleonora d’Arborea” e le classi 2^G, 2^I, 3^A, 3^B, 3^F, 4^A, 4^B, 4^C, 4^E dell’Istituto Tecnico – Liceo Scientifico delle Scienze Applicate “Michele Giua”.

Il Delegato Metropolitano alla Cultura Andrea Onali, nell’esprimere soddisfazione per il grande successo dell’iniziativa, ha dichiarato: “L’entusiasmo con il quale anche quest’anno la Città Metropolitana ha aderito alla manifestazione, alla quale l’ente ha sempre partecipato fin dal suo esordio, è stato premiato dalla risposta del pubblico che fin dalle prime ore del mattino ha voluto visitare il Palazzo Regio, per conoscerne più da vicino la storia ed ammirarne i preziosi arredi, dipinti ed affreschi. Il merito va soprattutto agli studenti, ai quali va il ringraziamento più sentito della Città Metropolitana, per l’impegno, la competenza e la serietà dimostrata, anche grazie al lavoro degli insegnanti che hanno accompagnato le giovani guide in questo percorso.”

Per l’occasione sono state aperte anche le stanze di Maria Cristina, normalmente chiuse al pubblico, dove i visitatori hanno potuto ammirare le pregiate tappezzerie francesi originali e il parquet in noce, anch’esso originale.

Il pubblico presente ha manifestato grande apprezzamento anche per il “Coro Carrales” e il gruppo “Arte e Suoni” che hanno concluso le due giornate con le loro virtuose e graditissime esibizioni nell’aula consiliare del Palazzo, affascinando i numerosi spettatori.

Sabato 11 maggio si è esibito il “Coro Carrales”, formato da giovani coristi provenienti da diverse zone della Sardegna e diretto dal Maestro Giuseppe Altea. Gli spettatori hanno potuto ascoltare il meglio del suo ricco repertorio, che va dai brani tradizionali ad altri brani che apportano sapienti e motivati elementi di novità, creando una fusione tra un sound rock e le melodie classiche.

Domenica 12 maggio è stata la volta del Gruppo “Arte e Suoni”, con i Maestri Roberto Corona e Rocco Melis e i loro allievi, che si sono esibiti con le launeddas. Nel corso dell’esibizione il Maestro Corona ha inoltre spiegato agli attenti spettatori alcuni concetti basilari sul funzionamento dell’antico strumento, sul tema della continuità nelle launeddas e in particolare sulla trasmissione dei saperi attraverso l’oralità primaria, nel rapporto tra insegnante ed allievo.

Durante la manifestazione erano presenti anche i rappresentanti dell’Istituto nazionale della Guardia d’Onore del Pantheon che, come di consueto, hanno collaborato con grande disponibilità e professionalità, dando un prezioso contributo al successo dell’evento.

Menù di Navigazione